Domanda:
La più piccola popolazione riproduttiva vitale
John Smith
2011-12-23 08:14:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Qual è la più piccola popolazione riproduttiva vitale, ad esempio in una popolazione umana. Per vitale intendo una popolazione che mantiene i difetti genetici bassi (abbastanza).

Una domanda molto strettamente correlata: qual è il numero previsto di generazioni che una data popolazione può sopravvivere?

http://en.wikipedia.org/wiki/Minimum_viable_population ?
Due risposte:
#1
+23
kmm
2011-12-23 23:48:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La letteratura sulla biologia della conservazione ha una grande quantità di informazioni, in particolare con riferimento allo sviluppo di piani di sopravvivenza delle specie (ad esempio, Traill et al. [2007] riferiscono che una dimensione minima effettiva della popolazione di ~ 4.000 una probabilità di persistenza del 99% di 40 generazioni).

Poiché la domanda menziona specificamente le popolazioni umane, concentrerò la mia risposta sulla genetica di piccole popolazioni umane, sebbene siano disponibili molte meno informazioni.

Hamerton et al. (1965; Nature 206: 1232-1234) ha studiato le anomalie cromosomiche in 201 individui su una dimensione totale della popolazione di 268 dalla piccola isola di Tristan da Cunha. Questi autori riportano un aumento delle anomalie cromosomiche ( aneuploidia; ipo o iperdiploidia) con l'età e suggeriscono che possa provocare una diminuzione dell'efficienza mitotica. Si ritiene che questa popolazione si sia sviluppata da una popolazione fondatrice di soli 15. Secondo Mantle e Pepys (2006; Clin Exp Allergy 4: 161-170), circa due o tre dei coloni originari erano asmatici, il che ha portato a una prevalenza molto alta (32%) nella popolazione attuale.

Kaessmann et al. (2002; Am J Hum Genet 70: 673-685) presentano uno studio più moderno sul linkage disequilibrium in due piccole popolazioni umane (Evenki e Saami; ~ 58.000 e ~ 60.000 dimensioni della popolazione, rispettivamente) rispetto a due grandi popolazioni (finlandesi e svedesi; ~ 5 e ~ 9 milioni). Gli autori trovano una significativa LD nel 60% della popolazione di Evenki e nel 48% di Saami, ma solo nel 29% in finlandesi e svedesi.

Lieberman et al. (2007; Nature 445: 727-731) discutono il potenziale di rilevamento dei parenti umani per evitare consanguinei. Tali meccanismi sono stati trovati in altre specie, "dalle amebe sociali, insetti sociali e gamberetti, agli uccelli, afidi, piante, roditori e primati". Lieberman et al. proporre meccanismi che contribuiscono al rilevamento dei fratelli negli esseri umani, tra cui "associazione perinatale materna" e "durata della coresidenza". Oltre a questi segnali comportamentali, gli autori suggeriscono anche segnali fisiologici come il maggiore complesso di istocompatibilità come un ruolo.

#2
+2
Deniz
2011-12-24 10:28:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sospetto che la risposta includerebbe sicuramente un parametro che affermerebbe quanto sia "diversa" la popolazione in riproduzione, incluso quanto sia eterozigote ogni individuo (rispetto a consanguineità); così come tra gli individui, ovvero quanto sono diversi questi individui l'uno dall'altro.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...