Domanda:
In che modo la pianta sensibile rileva le vibrazioni?
user132
2011-12-20 12:53:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La pianta sensibile ( Mimosa pudica ) è una pianticella notevole la cui caratteristica è la sua capacità di abbassare le foglie quando viene disturbata:

sensitive plant animation

Apparentemente, questa capacità di abbassarsi riposa sulle cellule nelle foglie della pianta sensibile, essendo in grado di attingere acqua da se stesse attraverso cambiamenti nelle concentrazioni di ioni intracellulari, il che rende le foglie meno turgide.

Sono confuso su come la pianta "percepisce" le vibrazioni. Le piante non hanno realmente un sistema nervoso di cui parlare; come fa allora la pianta sensibile a "sapere" di abbassarsi quando viene disturbata?

Le foglie in realtà non stanno cadendo, stanno ruotando verso l'alto. Il droop sarebbe più facile, ma non svolgerebbe la funzione cruciale della chiusura, che è quella di ridurre l'evapotraspirazione dagli stomi che si trovano principalmente sulla superficie fogliare superiore (adassiale).
Tre risposte:
#1
+29
user59
2011-12-20 19:09:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In effetti, l'idea di un sistema nervoso vegetale è piuttosto seria e in costante sviluppo; ovviamente quelli sono percorsi di segnale piuttosto locali e semplici piuttosto che una rete globale centralizzata "animalesca", ma usano meccanismi simili - onde di depolarizzazione, composti simili a neurotrasmettitori, cellule specializzate ... Ecco un articolo di revisione di Brenner et al .

Nel caso di Mimosa , c'è un buon documento che riassume le parole di Takao Sibaoka lunga ricerca sull'argomento.

In breve, sembra che il floema dei suoi piccioli abbia cellule che hanno membrane polarizzate e possono innescare la depolarizzazione a causa di una stimolazione meccanica. Il segnale si propaga quindi al pulvino corrispondente da una miscela di onde elettriche e di depolarizzazione Cl - .

Nel pulvino, questo segnale innesca una seconda depolarizzazione che coordina le cellule del pulvino a innescare il pompaggio dell'acqua responsabile della caduta delle foglie.

La trasmissione alle ante adiacenti è molto probabilmente meccanica, ovvero il movimento di una foglia che cade ne eccita un'altra.

Riferimenti:

#2
+13
jonsca
2011-12-20 14:18:03 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Haswell, Peyronnet, et al (2008) hanno dimostrato che le piante hanno alcuni degli stessi canali ionici meccanosensibili che E. coli fa. Il lavoro era sulle radici dell ' Arabidopsis e non sulla pianta che stai indagando, ma il meccanismo potrebbe essere simile.

Non sembrerebbe che la vibrazione abbia un ruolo, in quanto la pianta sembra sensibile al tocco dell'uomo piuttosto che al suo approccio alla foglia. Questo potrebbe escludere le correnti d'aria come meccanismo (ma J.M. ha notato nei commenti che si piegano quando soffi su di loro).

Non escluderei completamente le correnti d'aria. Ci sono alcune di queste piante che crescono nel mio cortile e si piegano quando vengono soffiate.
@J.M. Ti crederò sicuramente sulla parola! Tuttavia, potrebbe essere che soffiando su di esso si pieghi la foglia e si attivi ancora il meccanorecettore.
#3
+12
Wendy
2012-01-12 08:18:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Alcune note aggiuntive - Ho coltivato per anni TickleMe Plants (piante sensibili) e ho visto le piante chiudere le foglie come reazione alle vibrazioni causate dai miei passi oltre a soffiare sulla pianta e posizionare la pianta ambienti freddi, molto caldi e bui. Inoltre, ho riscontrato che la capacità della pianta di rilevare le vibrazioni che ho osservato dipende dalla temperatura e dall'ora del giorno. Alcune di queste informazioni possono essere trovate in The TickleMe Plant Book disponibile su http://www.ticklemeplant.com Non sono in grado di dire in modo specifico quale sia il meccanismo che rileva le vibrazioni e causa il turgore di TickleMe Plants pressione per cambiare. Attendo con impazienza ulteriori risposte.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...