Domanda:
Qual è l'altitudine massima alla quale gli esseri umani possono sopravvivere?
Muze
2016-01-18 13:16:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Qual è l'altitudine più alta a cui un essere umano può sopravvivere senza essere pressurizzato? Supponiamo che l'ossigeno e il calore / isolamento non siano i fattori limitanti? Perché l'ho chiesto.

Una domanda interessante. Se hai fatto delle tue ricerche su questo, potresti condividerlo. Non vorrei che questa domanda venisse chiusa per motivi di "compiti a casa".
La sequenza in cui il membro dell'equipaggio sopravvissuto nel 2001: Odissea nello spazio cammina nello spazio dalla capsula alla camera di equilibrio dell'astronave, aprendo manualmente la porta esterna, entrando, chiudendo la porta e pressurizzando la camera di equilibrio ha sollevato la domanda: è possibile? La risposta è stata: sì, a malapena. Qualche secondo in più e il personaggio, se effettivamente sperimentasse il trasferimento come agito, avrebbe perso conoscenza.
La pressione atmosferica diminuisce della metà per ogni tre miglia di altitudine.
Due risposte:
#1
+19
AliceD
2016-01-18 15:58:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Risposta breve
Tra i 62.000 e i 63.500 piedi (18.900 e 19.350 metri) il sangue inizia a bollire alla temperatura corporea. Questa altitudine, indicata come limite di Armstrong, è generalmente considerata il limite assoluto compatibile con la vita. A questo punto, gli esseri umani non possono sopravvivere senza misure di pressurizzazione.

Background
La pressione atmosferica scende ad altitudini più elevate. Man mano che si sale nell'atmosfera, i gas iniziano ad espandersi a causa della pressione atmosferica inferiore. Questo è ciò che fa scoppiare le orecchie quando si guida in montagna o quando si solleva un getto d'aria. Ad altitudini superiori a 10.000 piedi (3,5 km) le persone non abituate alla riduzione della pressione atmosferica possono essere a corto di fiato o provare vertigini . Ad altitudini superiori a 20.000 piedi (6,1 km) è necessario ossigeno supplementare per sostenere la vita ea 34.000 piedi (10,4 km), il 100% di ossigeno è necessario per eguagliare la pressione parziale dell'ossigeno nell'aria a livello del mare. Al di sopra di 40.000 piedi (12,2 km), il 100% di ossigeno deve essere somministrato sotto pressione ( NASA ).

Altitudini superiori a 50.000 piedi (15,2 km) sono considerati vicino allo spazio e l'uomo richiede una tuta pressurizzata per essere sicuro. A 55.000 piedi (16,8 km), la pressione atmosferica è così bassa che il vapore acqueo nel corpo inizia a bollire a temperatura ambiente, provocando il gonfiore della pelle . A 63.000 piedi (19,2 km) il sangue alla normale temperatura corporea (98 F / 37 o C) inizia a bollire. Ad altitudini superiori a 65.000 piedi la pressione atmosferica si avvicina a quella dello spazio, cioè un vuoto ( NASA ).

Tra 62.000 e 63.500 piedi (18,9 - 19,4 km), il sangue a temperatura corporea (37 o C) inizia a bollire. Questo è il punto oltre il quale gli esseri umani non possono assolutamente sopravvivere in un ambiente non pressurizzato. Questo punto è chiamato limite Armstrong , dal nome di Harry George Armstrong, che nel 1947 fondò il Dipartimento di medicina spaziale dell'aeronautica americana. Sulla Terra, il limite di Armstrong è da qualche parte tra 62.000 e 63.500 piedi (18,9 e 19,4 km), o circa 12 miglia.

Come riferimento, il punto più alto sulla terra è il picco del Monte. Everest a 29.000 piedi (8,8 km).

Al di sopra del limite Armstrong, l'acqua nei tessuti molli del tuo corpo vaporizza, causando un gonfiore grossolano, anche se la tenuta della tua pelle ti impedirebbe di esplodere. Allo stesso modo i tuoi occhi si asterrebbero dall'esplosione, ma la continua fuoriuscita di gas e vapore acqueo porta a un rapido raffreddamento della bocca e delle vie respiratorie (Goslin, 2008).

Acqua e acqua disciolta il gas nel sangue forma bolle nelle vene principali, che viaggiano in tutto il sistema circolatorio e bloccano il flusso sanguigno. Dopo circa un minuto la circolazione si arresta effettivamente. La mancanza di ossigeno al cervello ti rende inconscio in meno di 15 secondi, uccidendoti. Quando la pressione diventa molto bassa, semplicemente non c'è abbastanza ossigeno , che si pensa sia la prima e più importante preoccupazione (Goslin, 2008).

Nota che in condizioni di quasi vuoto, la morte non è istantanea. A un trecentottantesimo della pressione atmosferica a livello del mare, i cani hanno dimostrato di sopravvivere fino a 90 secondi. Durante la loro esposizione non erano in uno stato eccezionale (i cani erano gonfi, il ghiaccio si copriva la lingua e molti altri fatti orribili da leggere in (Goslin, 2008)). È stato persino dimostrato che le scimmie resistono per 3,5 minuti a queste condizioni.

Riferimenti
- Goslin, Sci Am febbraio 2008

Risposta eccellente, esauriente e ben fornita.
#2
-6
tim
2019-07-17 05:01:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Pensavo fossero circa 5 km, le donne incinte non sono in grado di funzionare a questa altezza I globuli rossi di & sono così densi che il cuore sta pompando zuppa.

Benvenuti in SE Biology. Stiamo cercando risposte supportate da fonti autorevoli, ad es. pubblicazioni, libri o siti Web affidabili. "Ho pensato" non si qualifica. Il fatto che il poster lo abbia accettato è irrilevante: non ha modo di sapere se hai ragione o meno. Fornisci supporto per la tua dichiarazione o è probabile che venga rimossa.
Questo è semplicemente sbagliato. Ci sono città permanenti in [Perù e Cina] (https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_highest_cities) che sono più alte di 5 km. Gli alpinisti in Himalaya possono trascorrere una settimana in un momento superiore a 7 km. La cosiddetta [zona della morte] (https://simple.wikipedia.org/wiki/Death_zone) si riferisce tipicamente ad altitudini superiori a 8 km.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...