Domanda:
Qual è la fattibilità dell'Intelligent Design come supplemento all'abiogenesi chimica e all'evoluzione darwiniana?
A L
2013-07-03 03:17:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Prima di tutto non approvo Intelligent Design (collegamento a Wikipedia); Lo chiedo perché io (qualcuno che non ha un background in biologia, chimica organica o filosofia) ho avuto una conversazione con qualcuno che lo approva, e sto cercando di vedere il suo punto di vista per quanto riguarda la razionalità può consentire. In secondo luogo, mi scuso per l'eventuale vaghezza; Il design intelligente non è sufficientemente definito come teoria per aiutarmi. Mi scuso anche se si tratta di rimodellare contenuti già abbondanti su Internet, ma per i miei scopi non posso semplicemente dipendere da Wikipedia o Talk Origins, quindi quello che cerco qui è adottare l'approccio opposto e vedere, in base alle tue menti informate, se potrebbe esserci una ragionevole probabilità che venga adottata una teoria dell'ID ideale.

Sono cercando la considerazione più favorevole per ciò che potrebbe essere ID se fosse meglio sviluppato come ipotesi o teoria praticabile per avere un'idea di quanto valga la pena portare una tale discussione. Un avvocato del diavolo imparziale e informato, se vuoi.

La mia indagine superficiale su ciò che dicono Stephen Meyers (link video) e Michael Behe ​​(link video) (correggimi se sbaglio) sembra essere anche questo la prima cellula è stata probabilmente progettata in modo intelligente a giudicare dal complesso codice del DNA e che l'evoluzione ha avuto luogo da lì, o che le prime cellule sono state create e molti casi di evoluzione provenivano da qualche tipo di mutazioni guidate in modo intelligente come era necessario per rendere "irriducibilmente complesso "cellule o funzioni del corpo (se la guida si interrompe dopo il Cambriano o continua fino al punto di creare diversi tipi di nuovi batteri e diversi tipi di scimmie / esseri umani o se ogni singola mutazione e capacità di adattamento viene guidata, non sono sicuro se sono d'accordo, ed è per questo che non so se dovrei interrompere la mia domanda sull'abiogenesi o includere l'evoluzione). La persona con cui ho parlato ha anche sollevato alcune affermazioni specifiche (tutto sembra progettato, il DNA ha ordinato, informazioni complesse, la coagulazione del sangue è irriducibilmente complessa, l'ID può e ha fatto previsioni come decenni fa che il "DNA spazzatura" non era spazzatura) che io non ho bisogno di smascherare (ho Google).

Ma se ci potesse essere un possibile supporto o verità in uno qualsiasi dei punti precedenti, sarei grato di saperlo. (Di nuovo, l'avvocato del diavolo, così posso essere informato e capire da dove vengono i punti.) Leggendo un libro di identificazione da solo, in alcuni punti sarebbe difficile sapere dove differiscono dalle effettive conclusioni scientifiche. Dopotutto, quando qualcuno che sembra sapere di cosa stanno parlando e può spiegare qualcosa nei dettagli tecnici dice che qualcosa è impossibile o estremamente improbabile, è difficile per me sapere perché sarebbe sbagliato ( stanno ignorando altre possibilità? travisando i fatti? hanno davvero ragione e stanno solo ottenendo la spalla fredda da una comunità scientifica ateistica perché implica una divinità?). Quindi mi concentro sulle fonti tradizionali, anche se non si preoccupano di intrattenere l'ID e mi lasciano all'oscuro delle sue possibili virtù. E quindi spero che qualcuno di questa comunità informata possa illuminarmi su quali potrebbero essere queste possibili virtù.

Riguardo al "DNA spazzatura": l'affermazione dell'80% di DNA funzionale utilizza una definizione molto ampia di "funzionale". L'affermazione è fortemente dibattuta - per un pezzo non scientifico vedere http://www.guardian.co.uk/science/2013/feb/24/scientists-attacked-over-junk-dna-claim. Anche se fosse vero, non vedo come questo supporti l'ID.
Non sono sicuro che questo sia adatto per una domanda e risposta poiché hai un gran numero di domande raggruppate in una. Come si legge ora, si tratta di un'intera "teoria", e questa non può essere spiegata in una singola risposta. Sarebbe possibile restringere gli aspetti che ti interessano di più (e potresti porre domande di follow-up in seguito)?
Oh ragazzo. @Bitwise, che è un articolo piuttosto brutto, anche il titolo è sbagliato - ENCODE * non * afferma che il DNA spazzatura è "vitale per la vita". L'affermazione "80% è funzionale" non dice nulla sulla * necessità * di quella funzione. Se ENCODE * avesse * fatto questa affermazione (e se fosse corretta), allora è vero che i sostenitori dell'ID negli anni '60 avrebbero fatto una previsione corretta (anche se per i motivi sbagliati). Come accade, questa affermazione è un uomo di paglia.
Se guardi ai sistemi biologici reali, è abbastanza chiaro che sono troppo complicati per essere stati progettati! Chi progetterebbe un sistema con così tanti rifiuti, più recettori e più ligandi in ogni sistema, solo una manciata dei quali sembra effettivamente fare qualcosa? Più si guarda alla biologia, più è assurda l'idea che sia stata concepita!
@KonradRudolph Sono completamente d'accordo, e questo è esattamente il mio punto. Non sto dicendo che l'affermazione "80% funzionale" non sia corretta, ma solo che significa qualcosa di molto diverso da quello che la gente dell'ID pensa che significhi, e in ogni caso non supporta l'ID. Scusa se non è stato chiaro.
@Nick che smentisce l'idea di un design _intelligent_ :).
Puoi leggere [questo meraviglioso post] (http://forum.richarddawkins.net/viewtopic.php?f=46&t=98084). Nello specifico, punto 19.
@fileunderwater Suppongo che potrei aver bisogno di farlo, ma se ci potesse essere un supporto da qualsiasi punto, andrebbe bene nel mio libro come risposta qui. Tutti gli altri, grazie per i link e gli approfondimenti, continuate a farlo.
Grazie @terdon. Anche il punto 10 era rilevante (anche se dovrò leggere il thread a cui si è collegato perché lì ha respinto l'argomento della probabilità in modo conciso). Come il punto 22. Per quanto riguarda il punto 19, questo può anche essere spiegato a me mentre leggo il thread dal punto 10, ma correggimi se sbaglio, ma Meyers potrebbe aver, almeno debolmente, soddisfatto i suoi primi due criteri di punto 19 (Criteri: Informazioni ordinate; Metodologia: Sequence DNA).
@fileunderwater Stavo pensando di più al tuo suggerimento, e dopo ulteriori considerazioni penso che questa sia davvero l'unica domanda a cui voglio rispondere. Ho scoperto che talkorigins.org ha argomenti adeguati contro i singoli punti di cui sopra, ma la domanda a cui sto davvero cercando di rispondere è che esiste * un * qualsiasi * (non specifico o specifico) modo in cui il Design intelligente potrebbe essere immaginato per essere raffinato e perfettamente in sintonia con l'evoluzione o l'abiogenesi (a corto, ovviamente, di dati ipotetici inverosimili come Dio che appare a tutti).
@AL Puoi sempre seguire la via filosofica e affermare che un dio onnisciente * saprebbe * che, creando un universo in un certo modo, la casualità produrrebbe la vita umana attraverso processi casuali. Ma non ci sarebbero previsioni verificabili da questo, poiché è indistinguibile da una situazione senza il dio onnisciente. Questa è una domanda per la filosofia.stackexchange però!
Quattro risposte:
#1
+14
shigeta
2013-07-05 05:16:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che il problema con il design intelligente non sia tanto il fatto che sia palesemente dimostrato sbagliato. Al contrario, il problema è che non è un'ipotesi scientifica e quindi non è davvero una questione scientifica.

Se posso, la base del metodo scientifico, come formulato da Karl Popper, ma comunemente in uso oggi, è che la scienza è la presentazione di teorie di causa ed effetto che sono verificabili (o se siamo precisi, falsificabile).

Vale a dire, esponi una teoria come "Dio / una figura divina ha creato tutti gli esseri viventi" e poi esegui un esperimento che può differenziare se l'ipotesi o la sua versione nulla (cioè "no l'intelligenza è la fonte della vita / la biologia è il risultato di incidenti ') è più probabile che sia vero.

Questa domanda non sarà verificabile in un modo per rispondere a un numero sufficiente di ragionevoli domande scettiche (o almeno finora non lo è). Sono stati tentati esperimenti, ma spesso non sono accettabili per tutti. Ad esempio l'idea che alcune strutture biologiche come l'occhio o il motore flagellare siano troppo complesse per essersi evolute attraverso un tipico processo darwiniano che comporta una serie di piccoli cambiamenti è quasi teologia biologica - si può sempre ipotizzare un Dio più disumano (probabilmente appropriato ) che agisce e "pensa" in modo così disumano che tutto ciò che vedi potrebbe essere creato / ispirato. Anche se penso che dovresti sentirti libero di credere in entrambi i casi, credo anche che questo non sia un argomento che può essere vinto o perso. La tendenza di qualsiasi esperimento a confermare sia l'ipotesi che il suo inverso sembra inevitabile.

Vale a dire che la biologia e la fisica alla fine falliranno laddove anche la filosofia e la logica hanno dimostrato l'esistenza di Dio, oltre alla verità meno interessante che se Dio esiste, la divinità è costantemente sfuggente alla prova .

Dall'altro lato della medaglia, la prova che la vita è emersa da fenomeni naturali come i fulmini in un ambiente prebiotico è interessante poiché mostra che nucleotidi e amminoacidi potrebbero essere stati disponibili senza vie metaboliche per sintetizzarli. A suo modo, l'origine molecolare della vita sulla terra è una questione realmente verificabile solo in teoria.

Chiunque pensi di ricreare l'evento dell'inizio della vita stesso è scientificamente su ghiaccio sottile: l'ambiente prebiotico potrebbe essersi esteso a tutta la superficie e l'atmosfera della terra così come in basso nel fango e nei corpi d'acqua e rimase a incubare per forse centinaia di milioni di anni. L'idea che il momento fondamentale della generazione della vita si manifesti solo su un insieme ben scelto di condizioni in un pallone da 500 ml con alcuni elettrodi attaccati è un'idea che i lavoratori sul campo non tengono nemmeno.

Fino a quando un simile esperimento non produrrà la vita, il lavoro dovrà fare affidamento sull'idea che c'è stato un momento nel tempo in cui gli elementi necessari si sono riuniti.

Detto questo, il lavoro di cosmologia e biogenesi si è avvicinato al momento della genesi della vita in modo asintotico con sorprendente chiarezza.

L'ipotesi RNAWorld sostiene fortemente l'idea che un sistema biotico primitivo avrebbe potuto essere molto semplice, forse solo l'RNA ei suoi quattro nucleotidi. Chiaramente dopo che esiste quello che Dawkins chiama un replicatore, allora il percorso verso gli esseri viventi come li conosciamo è abbastanza facile da immaginare.

Dovrei aggiungere che non sono una di quelle persone che pensano che la scienza sia tutto: la tendenza che sta impoverendo alcuni programmi umanistici mi preoccupa. È solo che alcune cose non sono scienza.

Sono totalmente d'accordo sulla testabilità. Un altro modo per dirlo: ID non fa previsioni, quindi è inutile, oltre a essere non verificabile, ergo non scientifico.
grazie - È davvero un problema comune anche con gli scienziati - So di non aver mai ricevuto questa roba in una classe. In generale, si presentano anche `` nuove '' teorie dell'evoluzione, della relatività e della cosmologia: la nuova teoria cerca di fare la stessa previsione degli esempi dei libri di testo, ma non si preoccupa di guardare alle migliaia di altri esperimenti che confermano la teoria consolidata ma potrebbe non confermare la loro.
#2
+4
TechZen
2014-10-04 09:30:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il problema con l'Intelligent Design è che non si rende conto che le forze che danno forma alle specie (e ai singoli organismi) devono essere costanti e continue o la specie scompare. Il passato conta poco, è ciò che accade proprio qui, proprio ora che mantiene le specie in una forma particolare.

I sistemi biologici non sono strutture statiche come un edificio. Metti energia in un edificio quando ti muovi e lo modella durante la costruzione. Immediatamente, tuttavia, l'energia nella struttura inizia a fluire nell'ambiente circostante, provocando la perdita della struttura e il decadimento dell'edificio. Alla fine cadrà in polvere.

I sistemi biologici sono dinamici, non statici. Un organismo vivente è come un vortice. Un vortice è una struttura complessa ordinata che dissipa l'energia causata dall'attrito tra flussi che si muovono a velocità diverse l'uno accanto all'altro. Non è mai composto di momento in momento dalle stesse molecole d'acqua e una volta che l'acqua è passata attraverso il vortice non ritorna più. L'idromassaggio è la struttura, non l'acqua transitoria.

Cambiando la velocità del flusso, la profondità dell'acqua, la temperatura, ecc. Cambia la struttura esatta dell'idromassaggio all'istante.

I sistemi biologici sono strutture immateriali come i vortici. La materia e l'energia fluiscono costantemente dentro e fuori i corpi. Smettiamo di respirare, moriamo. Il tuo corpo, anche le cicatrici e le ossa, vengono continuamente abbattute e rigenerate. L'emivita media degli atomi nel corpo è di sette anni. Anche gli atomi che rimangono nel corpo vengono spostati da molecola a molecola e da tessuto a tessuto. Solo il modello rimane semi-costante. Specie e individui organismi sono le strutture, non la materia transitoria.

Cambiando il flusso di materia ed energia in un organismo, cambia la sua struttura istantaneamente. Cambiando il flusso per lunghi periodi, cambia intere specie.

Se mostro la foto di un vortice nell'acqua ma la ritaglio in modo che tu non possa vedere se si trova in un ruscello naturale o in una vasca di flusso in un laboratorio, come posso sapere se l'idromassaggio era artificiale o no? Non potresti, perché non c'è differenza strutturale tra un idromassaggio artificiale e un idromassaggio naturale. Sembrano uguali perché le stesse forze e leggi li creano e lo fanno continuamente

Lo stesso vale per la vita.

Non puoi guardare gli esseri viventi e determinare se sono naturali o artificiali perché, proprio come un vortice, è il flusso di materia ed energia attraverso la vita, in qualsiasi momento particolare, che definisce la sua struttura.

Anche se qualche intelligenza, divina o materiale, alterasse o addirittura iniziasse la vita, dovrebbe adattarsi all'ambiente materiale esattamente come quella che è sorta naturalmente. Sarebbe indistinguibile da uno naturale perché le stesse forze gli darebbero forma e la manterrebbero.

Quindi il miglior argomento contro il design intelligente è che non abbiamo bisogno di evocarlo per spiegare come esiste la vita ora, momento per momento. Se le forze naturali creano e mantengono continuamente la vita oggi, allora dovevano essere in grado di farlo ieri e l'altro ieri, tutto il resto.

#3
  0
Mark Bailey
2014-01-03 02:00:08 UTC
view on stackexchange narkive permalink

ID risponde a una domanda ovvia che quasi tutti considerano molto fortemente prima o poi. Coloro che non scelgono di credere in Dio spesso sosterranno che non è un problema. Ma è un non problema perché hanno così ovviamente ragione che gli altri non hanno il diritto di esprimere la loro opinione, o perché non importa? La prima è una visione molto infantile e certamente non è molto utile se l'obiettivo è convincere gli altri della visione "corretta". E se semplicemente non ha importanza per gli atei, allora sicuramente tutti possiamo riconoscere che è molto importante per gli altri. Non sto suggerendo che ai teisti sia semplicemente permesso di riscrivere il curriculum (cosa che alcuni hanno tentato), ma questa è una domanda che costa più tempo ed energia da ignorare che da affrontare. E abbiamo molto da imparare gli uni dagli altri durante il processo.

Molte persone, mentre studiano l'evoluzione, iniziano molto naturalmente a concludere che la vita potrebbe essere, e quindi deve essere, emersa del tutto per caso. Questo non è così diverso dall'osservare che la diagnosi di autismo è in aumento da quando circa nello stesso periodo un certo vaccino è entrato in uso diffuso, e dal fatto che i sintomi spesso si manifestano poco dopo che il vaccino è stato somministrato, e dalla conclusione che un aumento dei casi di l'autismo potrebbe essere stato, e quindi deve essere stato, causato dal vaccino. C'è l'apparenza di una relazione causale, ma la conclusione non segue esattamente dall'evidenza. Nel caso dei sospetti sui vaccini, sono grato che siano stati definitivamente dimostrati falsi ora.

Per quanto riguarda la vera origine della vita, molti di noi pensano di conoscere la risposta. Comunque sia, questa risposta non ci viene fornita attraverso lo studio della biologia evolutiva. Chiunque ti dica che la scienza ha dimostrato che in realtà ci siamo evoluti senza alcuna manipolazione esterna in ciò che siamo oggi, o che la vita è emersa completamente per caso, sta interpretando erroneamente i fatti (o più probabilmente, credendo a voci che hanno sentito). Chiunque ti dica che la scienza ha dimostrato il contrario, che la vita non poteva essere nata per caso, allo stesso modo non segue correttamente la logica (o, più probabilmente, favorisce voci diverse). Penso che sarebbe un sano esercizio di pensiero critico aprire questo tipo di discussione in una classe di biologia di una scuola superiore, rafforzando costantemente il fatto che nessuno di questi su entrambi i lati dell'argomento offre prove conclusive sull'effettiva vera origine vita. Le persone che si sentono appassionate in entrambi i casi su questo punto devono rabbrividire un po 'a questo suggerimento, forse paragonandolo al modo in cui Fox News finge una presentazione "giusta ed equilibrata" presentando la verità semplice ed ovvia su un piano di parità con una visione estremista. Ma qual è il punto di vista estremista su questo tema? Dipende da dove ti trovi.

Il problema più grande che prevedo è che la maggior parte degli istruttori sono così fortemente prevenuti in un modo o nell'altro, che avrebbero difficoltà a mediare onestamente una tale discussione. Ma, francamente, questo è già il caso, quindi direi che è meglio formalizzarlo come esercizio di pensiero critico nel curriculum. Probabilmente non aprirà nessuno a nuovi pensieri sulle origini della vita, ma si spera che li aiuterà a resistere alla prossima paura del vaccino. E li aiuterà a distinguere la prova scientifica dalla speculazione o dalla credenza. Per molti studenti religiosi, questo permetterà loro di digerire il resto del materiale senza sentirsi come se fosse un attacco alle loro sacre convinzioni.

Se qualcuno vota negativamente per problemi reali con la qualità della mia risposta alla domanda specifica che è stata posta, ti prego di informarmi sul mio fallimento con un commento.
Niente nella scienza moderna afferma che la vita nasca per caso o per caso. Nasce da forze naturali. Si potrebbe ben dire che le rocce rotolano giù per la collina, per "incidente" e non per gravità. L'evoluzione è guidata dall'energia della luce e del calore che trovano il percorso massimo dell'entropia attraverso le molecole organiche. Le molecole accelerano l'entropia formando strutture complesse strutture dissipative. È proprio come l'acqua si trasforma da liquido caotico in ghiaccio organizzato per disperdere calore o correnti che formano complessi vortici per disperdere energia dall'attrito della corrente contro corrente. Niente di casuale o assolutamente casuale.
@TechZen - Congettura interessante, ma non sono sicuro di come debba essere correlata alla domanda o alla mia risposta.
Il problema è che la maggior parte dei curricula sull'evoluzione indicano già molto chiaramente una grande quantità (sebbene comprenda solo una piccola frazione del totale) di prove sperimentali, mentre il creazionismo cerca di giustificare la sua affermazione sottolineando le poche lacune di prove all'interno della biologia evolutiva. Bisogna anche ricordare che la [Chiesa cattolica] (http://www.catholic.com/tracts/adam-eve-and-evolution) stessa non rifiuta l'evoluzione come "un attacco alle loro sacre credenze".
@MarchHo Il problema con questa discussione è che troppe persone da entrambe le parti preferirebbero respingere altri modi di pensare come non validi. Il nucleo di una visione creazionista non sono gli errori che cercano nel caso della biologia evolutiva, ma la storia dei profeti. Come fai notare, non c'è necessariamente alcuna contraddizione tra ciò che è scritto nelle Scritture e ciò che la scienza ha scoperto. Ma quando ti avvicini a una persona che è già certa della verità delle Scritture e inizi a sminuire ciò che sa essere vero, CREI opposizione e inizi a convincerla che l'evoluzione è una bugia.
#4
-1
user2437016
2013-12-30 09:31:56 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ci sono davvero due componenti da identificare:

  • A No-Go Theorem ( http://en.wikipedia.org/wiki/No-go_theorem) su la probabilità che la vita sorga spontaneamente, o che raggiunga una certa soglia nello sviluppo evolutivo in modo naturale.
  • ... che porta all '"inferenza progettuale", secondo cui la caratteristica dell' intelligenza è in grado di superare il problema stabilito dal no-go: che la vita esiste, ma non poteva presumibilmente essere nata da un processo casuale.

Ora certo no -go teoremi affermano che qualcosa è fisicamente impossibile, come trasmettere informazioni più velocemente della velocità della luce, alcuni riguardano la dimostrabilità in matematica come il teorema di incompletezza di Godel, ma il teorema ID no-go riguarda l'essere statisticamente imprlausibile- ma ciò che è non plausibile Grande, vecchio universo? Qualcosa come 1 / Numero di atomi nell'universo è sufficientemente basso (2 ^ 82) e puoi dimostrarlo facilmente pensando al codice DNA 1/4 ^ N dove N = numero minimo di coppie di basi per l'auto-replicazione, dove N ~ 100.000 M genitalium. Questo è un modello molto ingenuo, ma è un inizio: guarda il lavoro di George Chaitan per una matematica migliore: http://www.youtube.com/watch?v=RlYS_GiAnK8

Il l'inferenza sul design è davvero il dominio di Stephen Meyer, e ti rimando a lui, questo è molto più un argomento filosofico. Una cosa importante da notare per le persone che ignorano l'ID è che si tratta di ragionare sull'intelligenza in astratto, non sulla manifestazione in forma fisica, non su "qualche essere".

Qual è la mia opinione? Potrei risponderti tra 300 anni? Avremo finalmente dati su migliaia di altri pianeti e se qualcuno di loro ha mai ospitato la vita, e penso che sarebbe la falsificazione dell'identità se venisse trovata un'altra vita. Ma penso che sia un universo sterile, sia uno con altra vita siano entrambi plausibili dato quello che sappiamo ora. Ecco perché non capisco perché le persone siano così convinte su questo tema: è impossibile conoscere l'unica cosa fondamentale che dobbiamo sapere in questo dibattito nella nostra vita. Ma tra poche generazioni di fatto avremo questa risposta. Viviamo in tempi interessanti.

Spiegazione di Stephen Meyer: http://www.discovery.org/scripts/viewDB/filesDB-download.php?command=download&id=1491
Perché trovare una vita extraterrestre indipendente smentirebbe l'ID? Se troviamo ET, potrebbe essere molto diverso, forse nemmeno basato su DNA o RNA, o basato su amminoacidi destrorsi. O forse potremmo scoprire qualcosa di così ossessivamente simile che avremmo potuto quasi aspettarci di trovarlo qui sulla Terra. In entrambi i casi, non vedo che offra alcuna prova contro l'ID, o anche contro una singola Intelligence. Se scopro Monna Lisa e postulo che i dipinti debbano essere creati da esseri umani, la scoperta successiva dell'Ultima Cena o La Persistenza della Memoria non mi prova nulla in entrambi i casi.
Se scopriamo che la vita ** è sorta ** indipendentemente da qualche altra parte (o anche due volte sulla Terra), cambierebbe sostanzialmente l'intervallo di probabilità che la vita possa sorgere per processo casuale. Questo è il primo componente che ho descritto, a cui è possibile rispondere tramite i dati. Penso che sia il secondo componente, l'inferenza - con cui hai un problema.
No. Stai già supponendo che la vita nasca da un processo casuale; ergo trovare un altro esempio di emergenza dimostra che tale emergenza casuale è più probabile di quanto precedentemente ipotizzato. Ma questa è logica circolare. Se invece supponessi che tutta la vita sia stata creata dall'Intelligenza, trovare un'altra creazione indipendente della vita ti porterebbe a concludere che questa stessa Intelligenza, o forse un'altra Intelligenza completamente diversa, ha creato questo nuovo mondo pieno di vita. Se non presupponi nulla, non sai nulla di nuovo sulla probabilità Go / No-Go, né sull'inferenza.
La chiave dell'idea Go / No-Go è provare in qualche modo INDIPENDENTEMENTE che probabilmente è o non è alla portata del fatto che ciò accada ragionevolmente per caso, senza manipolazioni intelligenti. Se sapessimo che è astronomicamente improbabile anche in questo vasto oceano di galassie, più volte troviamo la vita, sarebbe solo una prova maggiore che questa Intelligenza deve essere là fuori a crearla.
Non è possibile calcolare la probabilità che si verifichi un modello senza comprendere il meccanismo che crea il modello. Calcolando le probabilità che le molecole si formino in determinati schemi, senza conoscere la dinamica degli elettroni che costringono l'atomo a configurazioni specifiche in condizioni specifiche, mostrerebbe che ogni ammasso di materia nell'universo era incredibilmente improbabile. Ma una volta che conosci le regole della chimica, sembra deterministico, non improbabile. Lo stesso vale per l'evoluzione. Una volta compresa la termodinamica, l'improbabilità scompare.
@TechZen ... e poi qualcuno chiede come sono arrivati ​​i meccanismi in quel modo, perché le costanti universali sono così sintonizzate per consentire all'universo di funzionare in questo modo. È il luogo in cui gli scienziati esplorano e scoprono costantemente di più. Ed è compito del filosofo umiliare lo scienziato ricordandogli quanto ancora non sa, nessuno dei quali ha nulla da dire su ciò che gli dei potrebbero essere. La scienza è magnifica, ma bisogna stare attenti a non andare oltre ciò che può dimostrare. La buona scienza afferma esattamente ciò che abbiamo imparato e lascia il mistero ai mistici.
@MarkBailey - Non vedo la rilevanza dei tuoi commenti per la mia argomentazione. Sembra che tu stia facendo un argomento "God of the Gaps", il che è noioso. Con questo ragionamento, poiché non sapremo mai tutto, non sapremo mai nulla. Il mio commento si è semplicemente concentrato su ciò che si sa sulla formazione di molecole organiche e sulla termodinamica della loro evoluzione in strutture viventi. Non è un processo casuale a nessun livello o fase, quindi i calcoli basati sulla premessa che è completamente casuale sono automaticamente falsi.
@TechZen Evolution è un processo fortemente stocastico. Non rovinare la tua credibilità. Il tuo commento precedente, tuttavia, è stato fantastico. Non sto discutendo contro di esso, ma spero di completarlo. La tua comprensione della termodinamica non sarà mai abbastanza completa per concludere con certezza che la vita è emersa da sola. Se non sei d'accordo, allora "God of the Gaps" è davvero un concetto appropriato da considerare. Se qualcuno pensa di poter passare da una solida comprensione della termodinamica organica all'affermazione che la vita è emersa senza alcun architetto o regista, allora sta inserendo parecchio in quelle lacune.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...